Home » Blog » Trend

Il 2021 è finito da qualche giorno ed è tempo di bilanci. Anche in ambito ICT

CIT

Redazione

Dall’analisi dei dati del 2021 che sono stati da poco diffusi, l’anno appena trascorso è stato caratterizzato, dall’incremento dei crimini informatici e questo non può che farci riflettere.

Per capire meglio la portata del fenomeno, dobbiamo farci aiutare dai numeri.

Nel corso dello scorso anno, sottolinea la polizia postale (attraverso il report del CNAIPIC – Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche) , sono finiti nel mirino dei pirati informatici i siti istituzionali e le grandi imprese, con oltre 5000 (5.434 il numero esatto) tentativi di attacchi cyber, con una media di 15 al giorno e con 187 persone che sono state denunciate per accesso abusivo e danneggiamento di sistemi informatici, diffusione di malware, trattamento illecito di dati.

Particolare attenzione è stata destinata dagli organi di controllo e vigilanza, ai movimenti “No Vax” e “No Green Pass”. Dark web e piattaforme di messaggistica sono stati passati al setaccio per porre fine al commercio e alla falsificazione di green pass fasulli. La polizia postale in seguito a queste attività ha individuato 101 soggetti che sono stati denunciati a vario titolo.

Anche i crimini relativi alla pedopornografia hanno subito un notevole rialzo: sono stati analizzati infatti oltre 29mila siti sospetti (2.539 dei quali sono stati confermati malevoli e oscurati mediante l’inserimento nella black list ) e sono state arrestate 137 persone, altre 1400 sono state segnalate e/o denunciate.

Nel 2021 i casi accertati di pedopornografia online sono stati 5.515 (il 70% in più rispetto al 2020 e addirittura il 295% in più rispetto al 2019).

Anche le frodi online non sembrano avere fine. Il financial cybercrime attraverso una serie di frodi telematiche ha fruttato milioni di euro ai criminali informatici in seguito ad attacchi a grandi e media imprese ( si stima che su un totale di 36 milioni di euro sottratti alle imprese, solo 17 siano stati recuperati dalla polizia).

frode online

Sullo stesso piano delle frodi online, possiamo inserire le frodi derivanti da attività quali phishing, smishing e vishing, tecniche utilizzate per carpire illecitamente dati personali e bancari. Il 2021 ha segnato un +27% per un totale di oltre 18 mila reati di furto di credenziali per accesso ai sistemi di home banking, di numeri di carte di credito, di chiavi private di wallet di cryptovalute: 781 le persone denunciate.

Infine il report si concentra sul cyberterrorismo. A fronte di 117.000 spazi web analizzati, 1.095 hanno evidenziato contenuto illecito, 471 sono stati oscurati e 39 persone sono state denunciate.

Visti singolarmente i numeri lasciano il tempo che trovano ma, aggregando i dati esce un quadro preoccupante dell’ambiente “virtuale” che frequentiamo ogni giorno. La concezione del “a me non succede perché sto attento” ha lasciato il posto ad una ben più severa presa di coscienza del fatto che prima o poi tutti saremo vittime di attacchi e/o crimini informatici.

Quali sono quindi le misure da adottare e come intervenire per ridurre al minimo i rischi (ben consapevoli che non può esistere un rischio zero)? Innanzitutto dobbiamo dividere i piani di intervento: le scelte che si possono fare in ambito aziendale infatti possono non essere idonee (per motivi di costi, accesso a tecnologie etc) in ambito privato e viceversa.

Le tecniche più facili da applicare a livello privato riguardano l’utilizzo di password forti, diverse tra di loro e soprattutto l’utilizzo di strumenti di autenticazione a più fattori.

In ambito aziendale suggeriamo innanzitutto di formare adeguatamente il personale e successivamente di affidarsi a professionisti in grado di decifrare in anticipo alcuni segnali di pericolo, sia grazie a know how specifico sia grazie all’aiuto di tecnologie all’avanguardia, in grado di stroncare sul nascere le eventuali minacce derivanti da attacchi cibernetici.

 

 

Contatti

EMPSOL SRL
Via Solferino, 7
20121 – Milano

+39 02 80501130

INIZIA LA TRASFORMAZIONE DIGITALE

Empsol fornisce valutazioni alle aziende che intendano comprendere come affrontare le trasformazioni digitali con le nuove tecnologie, per sfruttare il valore dei dati e per avvicinare i sistemi informativi alla realtà quotidiana.

Lavora con noi

Empsol ricerca costantemente nuove figure professionali per arricchire i propri organici.

Share This