Home » Blog » Tecnologia

UPS un amico che non tradisce mai…o forse no?

Redazione

Se ti dicessimo che anche gli UPS possono subire attacchi da cybercriminali?

Durante una normale sessione lavorativa, può capitare che eventi esterni causino anomalie al sistema elettrico e che queste anomalie vadano ad influenzare l’attività rendendo, ad esempio, irraggiungibile il server anche se solo per pochi minuti, portando ad una diminuzione della produttività e di conseguenza ad una perdita economica.

Per limitare questi problemi, da diversi tempo le aziende si sono dotate di uno o più gruppi di continuità (conosciuti anche come UPS).

La tecnologia nel mentre si è sempre più evoluta per rispondere a nuove esigenze ed anche gli UPS hanno seguito la stessa evoluzione.

Negli ultimi anni, i fornitori di UPS hanno aggiunto features Internet of Things pertanto gli UPS sono regolarmente collegati alle reti per il monitoraggio dell’alimentazione, per manutenzione di routine o semplicemente per comodità.

UPS e gruppi di continuità

Con l’evolversi della tecnologia però si sono evoluti anche i sistemi di attacco da parte di cybercriminali e sistemi che fino a poco tempo fa non erano critici come i gruppi di continuità stanno diventando dei veri e propri fattori di rischio soprattutto perché nella maggior parte dei casi gli utenti non modificano le credenziali (username & password) di fabbrica.

Quali sono le azioni da intraprendere per mettere in sicurezza questi apparati?

•  Fare un censimento di tutti gli UPS (e simili) assicurandosi che non siano accessibili dal Internet. Nel caso in cui l’UPS deve avere essere collegato alla rete e avere un interfaccia di gestione che vada sulla rete al best practices prevede che

 1) Il singolo dispositivo o l’intero sistema di UPS venga posizionato dietro una rete privata virtuale.
2) Venga applicata l’autenticazione a più fattori.
3) Vengano utilizzate password complesse e lunghe in conformità con la policy aziendale

 • Verificare se il nome utente/password dell’UPS è ancora impostato sui valori predefiniti di fabbrica. In caso di risposta affermativa, modificare questi parametri utilizzando credenziali articolate e forti

• Vengano implementate le funzionalità di timeout e di blocco dell’accesso

Perché prevenire gli attacchi contro i dispositivi UPS è importante?

Con oltre 20 milioni di dispositivi interessati (secondo i dati pubblicati da Armis, quasi 8 aziende su 10) e quindi un potenziale di attacco enorme, un hacker, sfruttando tre vulnerabilità identificate nei gruppi di continuità APC Smart-UPS della Schneider Electric (uno dei maggiori e più conosciuti player sul mercato degli UPS), potrebbe causare seri danni soprattutto se gli obiettivi sono infrastrutture critiche.

Queste vulnerabilità ribattezzate TLStorm (Transport Layer Security) potrebbero consentire controlli remoti e anche potenzialmente la disabilitazione e distruzione degli UPS e persino delle risorse collegate.

attacco UPS

I malintenzionati possono utilizzare i bug nella comunicazione TLS per impersonare il cloud Schneider Electric e raccogliere informazioni sull’UPS superando i controlli di eventuali firewall aziendali.
A quel punto, aggiornando da remoto il firmware dell’UPS, il dispositivo potrebbe essere utilizzato come punto di accesso per un attacco ransomware o qualsiasi altro tipo di operazione malevola all’interno dell’infrastruttura di rete aziendale (la crescente adozione di dispositivi IoT e CPS- Cyber Physical Systems ha infatti notevolmente ampliato il numero degli obiettivi sensibili).

La possibilità di attaccare la rete elettrica e come conseguenza apparati e strumentazione elettronica (UPS compresi) non è un evento remoto: nel dicembre del 2015 in metà delle case nella città ucraina di Ivano-Frankivsk si verificò un blackout a causa di un attacco noto come “APT Black Energy”.

Per via del conflitto in corso tra Russia e Ucraina, varie autorità hanno segnalato possibili attacchi che potrebbero prendere di mira gli impianti elettrici.

Guarda la dimostrazione di come un hacker può attaccare un UPS

Contatti

EMPSOL SRL
Via Solferino, 7
20121 – Milano

+39 02 80501130

INIZIA LA TRASFORMAZIONE DIGITALE

Empsol fornisce valutazioni alle aziende che intendano comprendere come affrontare le trasformazioni digitali con le nuove tecnologie, per sfruttare il valore dei dati e per avvicinare i sistemi informativi alla realtà quotidiana.

Lavora con noi

Empsol ricerca costantemente nuove figure professionali per arricchire i propri organici.

Share This